Nuovo spot per foto virali del Monte Fuji crea ancora problemi

Nuovo spot per foto virali del Monte Fuji crea ancora problemi

Morto uno spot se ne fa un altro. Dopo > le reti nere installate per scoraggiare i turisti a fermarsi a fotografare il famoso > combini Lawson con Fuji sullo sfondo, già bucate da qualcuno, ecco che spunta un nuovo luogo virale. Si trova nella prefettura di Shizuoka ed è conosciuto come Mt Fuji Yume no Ohashi, ovvero Mt Fuji Great Dream Bridge (Ponte del Grande Sogno Monte Fuji). Un tempo tranquillo cavalcavia pedonale, è ora diventato un gettonato punto panoramico dal quale fare foto e selfie. Attirando orde di turisti che ancora una volta creano problemi ai residenti e alla viabilità non rispettando le norme locali.

Canale TELEGRAM! > Unitevi per restare aggiornati!

Questo ponte si trova in una zona non turistica del Giappone. Non ci sono parcheggi, servizi igienici pubblici, cestini della spazzatura, nulla. E’ un semplice ponte pedonale, ma con uno sfondo come sempre molto instagrammabile. Per questo i turisti hanno cominciato a fermarsi per fotografarlo parcheggiando le auto dove non consentito e abbandonando rifiuti in giro.

Addirittura bussano continuamente alle porte delle case vicine per chiedere di usare il bagno! E non si accontentano semplicemente di scattarsi una foto sulle scale del ponte con il Fuji dietro. Sconfinano sulla vicina strada a scorrimento veloce e si mettono in mezzo allo spartitraffico per fare le foto. Un vero pericolo per se stessi e per i guidatori.

Nuovo spot per foto virali del Monte Fuji crea ancora problemi

Ovviamente sono presenti dei vistosi cartelli gialli di divieto in inglese e cinese, ma vengono snobbati dagli stranieri poco abituati ad essere ligi alle regole. All’estero è abbastanza normale, ma in Giappone invece è molto raro vedere qualcuno attraversare una strada fuori dalle strisce pedonali o comunque dove non potrebbe. E’ presto spuntata anche qui una barriera per impedire alle persone di entrare nella carreggiata dal cavalcavia. E a metà luglio verrà eretta anche una recinzione di quasi 2 metri come ulteriore deterrente. Guardate che scene nel video qui sotto:

.
Altro problema segnalato dai residenti, i turisti spesso sconfinano nelle loro proprietà. Parcheggiano e fanno inversione sui vialetti delle case, entrano nei giardini e nelle verande. Cominciano a vociferare dalle 6 di mattina, dato che si forma una lunga fila davanti alle scale per fare l’ambita foto, svegliando chi vorrebbe dormire.

Ci sono pure numerosi gruppi che scendono dagli autobus turistici, che ovviamente bloccano il passaggio a tutti con la loro mole. Il sindaco del quartiere, Masatoshi Matsumoto, ha risposto ai reclami dei residenti facendo delle promesse. Oltre alle barriere, i coni segnaletici, i cartelli e qualche pattuglia in più a vigilare, sarà costruita al più presto anche un’area di parcheggio. Lo spazio disponibile sarà limitato e non potrà essere troppo capiente, ma meglio di niente. Sperando che nel frattempo un nuovo spot panoramico meno fastidioso diventi virale…

Post consigliato > Da quest’estate scalare il Monte Fuji sarà più costoso e complicato: ecco come prenotare


Nuovo spot per foto virali del Monte Fuji crea ancora problemi