In Giappone il 2024 è l'Anno del Drago

In Giappone il 2024 è l’Anno del Drago

Il 2024 sarà l’Anno del Drago secondo il ciclo di 12 anni degli > animali dello zodiaco cinese, importati poi in Giappone. Si tratta del sistema jikkan-jūnishi, conosciuto in giapponese anche come 干支 eto, ovvero calendario astrologico sessagesimale. Venne utilizzato ufficialmente nel Paese fino alla riforma Meiji (1868).

Il venerato Tatsu (drago) è l’unica creatura immaginaria presente in questo zodiaco. Gli altri sono Nezumi (topo), Ushi (bue), Tora (tigre), Usagi (coniglio), Hebi (serpente), Uma (cavallo), Hitsuji (capra), Saru (scimmia), Tori (gallo), Inu (cane) e Inoshishi (cinghiale). Tra i 12 importanti animali dello zodiaco manca però il gatto, il preferito dei giapponesi. Come mai proprio lui?

Ebbene c’è una leggenda che narra che una volta il gatto chiese al topo di fargli sapere il giorno che l’Imperatore di Giada sarebbe arrivato per portarsi via gli animali della terra. Ma il topo, geloso della sua bellezza, non lo informò. Così al suo posto venne preso il coniglio. Quando il gatto lo venne a sapere si arrabbiò furiosamente con il topo, ma ormai era tardi. Si crede che sia questo il motivo per cui i gatti ancora oggi odiano i topi.

In Giappone il 2024 è l'Anno del Drago

Ma torniamo all’anno del Drago. Queste creature sono venerate in Giappone come divinità dell’acqua. Infatti le feste tradizionali che coinvolgono i draghi nelle comunità agricole, li invocano per avere la pioggia durante la stagione secca. Le comunità di pescatori invece li pregano per avere catture eccezionali. Spesso appaiono come statue con l’acqua che scorre dalle loro bocche nelle vasche purificatrici poste all’entrata dei santuari nipponici. Il loro aspetto ha ispirato il personaggio del > Drago Shenron, protagonista di > Dragon Ball.

Storicamente il ciclo eto veniva utilizzato anche per le direzioni della bussola e per l’ora del giorno. Il Drago Tatsu corrisponde a est-sudest. Nell’antico sistema in cui la giornata era divisa in 12 ore, l’ora del dragone si svolgeva in quella che per noi oggi è l’ora di punta, dalle sette alle nove del mattino. I Kanji per i 12 eto si allineano in ordine attorno a un cerchio. In senso orario dall’alto, troviamo il topo, il bue, la tigre, il coniglio, il drago, il serpente, il cavallo, la pecora, la scimmia, il gallo, il cane e il cinghiale.

In Giappone il 2024 è l'Anno del Drago

Per l’eto vengono utilizzati kanji speciali che sono diversi da quelli in uso quotidianamente. Sebbene il kanji eto per Drago sia (tatsu), ce ne sono due comunemente usati quando si parla di draghi in generale in giapponese. Il primo (ryū) è ora standard ma spesso si vede anche la versione più vecchia . Alcune parole giapponesi includono la parola drago ad esempio 竜巻 (tatsumaki, che significa ‘tornado’) o 恐竜 (kyōryū, che significa ‘dinosauro’).

Le persone nate negli anni 1940, 1952, 1964, 1976, 1988, 2000, 2012 ed ora 2024, sono del segno del Drago. Sono dotate di grande carisma, attraenti e piene di vitalità. Di contro non nutrono molta fiducia nel prossimo, sono testarde ed irascibili. Le famiglie, sia cinesi che giapponesi, provano spesso a pianificare le gravidanze in modo che i bambini nascano nell’anno del Drago. Si pensa infatti che questo segno sia più dotato e riesca a raggiungere più facilmente fortuna e ricchezze nella vita.

Detti del Drago

I draghi si possono trovare anche in molti proverbi giapponesi:

. 竜頭蛇尾 — Ryūtō dabi. “Testa di drago, coda di serpente”: descrive qualcosa che inizialmente appare meraviglioso o sorprendente, ma finisce in modo deludente.

. 画竜点睛を欠く— Garyō tensei o kaku. “Disegnare un drago senza segno nell’occhio”: significa non riuscire a portare a termine un’opera tralasciando una rifinitura essenziale.

. 龍のひげをなでるRyu no hige o naderu. “Accarezzare la barba di un drago“: significa compiere un’azione sconsiderata, spesso citata insieme a 虎の尾を踏む Tora no oo fumu, che significa “calpestare la coda di una tigre”.

. 登竜門 — Tōryūmon. Un riferimento ad una leggenda cinese in cui una carpa risale le cascate della “Porta del Drago” dopo aver nuotato controcorrente nel Fiume Giallo e si trasforma in un drago. Descrive il percorso che chiunque deve intraprendere per avere successo nella vita secondo le credenze giapponesi.

Post consigliato > I 12 segni zodiacali giapponesi e i vari tratti della personalità abbinati all’anno di nascita


In Giappone il 2024 è l’Anno del Drago