Il Giappone in un mese ha avuto un numero di turisti stranieri mai visto prima nella storia

Il Giappone in un mese ha avuto un numero di turisti stranieri mai visto prima 

Il desiderio di viaggiare in Giappone dopo la fine della chiusura causa pandemia, ha fatto battere il record di visite il mese scorso. Due fattori determinanti si sono aggiunti alla fine delle restrizioni. Il momento vantaggioso per gli stranieri a causa dello yen debole e il periodo molto gettonato della primavera giapponese.

Canale TELEGRAM! > Unitevi per restare aggiornati!

Inoltre, la popolarità del Giappone tra i viaggiatori più giovani è cresciuta tantissimo rispetto al passato. Fino a pochi anni fa solo pochi ricchi adulti lo visitavano attirati dalla cultura tradizionale e pochissimi giovani da quella pop ancora di nicchia. Ora invece, complice il successo mondiale di manga e anime giapponesi, è nato un nuovo tipo di turismo alla ricerca di mete e oggettistica dedicata. Agevolato ulteriormente negli ultimi mesi dai prezzi bassi grazie al cambio favorevole.

Per tutti questi motivi il turismo in Giappone non solo si è ripreso alla grande dopo gli anni di chiusura, ma ha superato di gran lunga i livelli pre-pandemia fino al 2019. Secondo l’Organizzazione Nazionale del Turismo del Giappone, a marzo 2024 il Paese ha superato per la prima volta nella storia i 3 milioni di visitatori stranieri in un solo mese. I numeri esatti dicono che sono stati addirittura 3.081.600 i turisti provenienti da tutto il mondo.

Il Giappone in un mese ha avuto un numero di turisti stranieri mai visto prima nella storia

Sono 6 i Paesi stranieri che hanno registrato il maggior numero di presenze in Giappone a marzo: Corea del Sud (663.100 viaggiatori), Taiwan (484.400), Cina (452.400), Stati Uniti (290.100), Hong Kong (231.400) e Tailandia (131.700). Marzo ha segnato anche il maggior numero di turisti in entrata in Giappone mai registrato da Stati Uniti, Canada, Messico, Vietnam, India, Germania e anche Italia.

Tra i fattori che hanno contribuito a raggiungere questi numeri da record proprio a marzo, ovviamente il periodo della fioritura dei ciliegi. Essendo un simbolo iconico del Giappone, chiunque sia interessato a viaggiare nel Paese almeno una volta nella vita, sceglie il periodo migliore per farlo. Ma il fattore determinante di quest’anno è stato sicuramente il valore dello yen, crollato rispetto alle valute estere. Raggiungendo i livelli più bassi da prima della bolla economica degli anni ’80.

Da un lato questa situazione sta esercitando una pressione crescente sui consumatori giapponesi, poiché per loro i prezzi aumentano. Soprattutto gli articoli importati e i prodotti alimentari realizzati con ingredienti di provenienza estera. Dall’altro lato lo yen debole sta rendendo un viaggio in Giappone più conveniente di quanto lo sia stato negli ultimi decenni per gli stranieri.

Il Giappone in un mese ha avuto un numero di turisti stranieri mai visto prima nella storia

Lo yen vantaggioso sta anche facendo spendere molto di più ai turisti. Le statistiche dell’Organizzazione Nazionale del Turismo del Giappone mostrano che tra gennaio e marzo 2024 i viaggiatori stranieri hanno speso 1.750 trilioni di ¥. Anche questo è un record giapponese riferito ad un periodo di tre mesi. La fine della stagione dei Sakura di aprile causerà ovviamente un calo del turismo in entrata.

Poi maggio e giugno tendono ad essere mesi meno popolari per i turisti stranieri che visitano il Giappone. A causa, rispettivamente, della folla nazionale nelle destinazioni turistiche del periodo festivo della Golden Week e della successiva stagione delle piogge. Ma poiché è difficile che lo ¥ diventi più forte prima che i viaggiatori confermino i loro itinerari estivi, è prevista una probabile ondata di visitatori stranieri anche a luglio e agosto 2024.

Post consigliato > I turisti stranieri in Giappone adorano Shirakawago. Ma il sentimento è reciproco? 


Il Giappone in un mese ha avuto un numero di turisti stranieri mai visto prima