L'anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata che non vide mai la luce

L’anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata che non vide mai la luce

Nel 1971, i due maestri dell’animazione giapponese Hayao Miyazaki e Isao Takahata iniziarono a lavorare alla pre-produzione di un adattamento anime di Pippi Calzelunghe. La celebre bambina con le trecce protagonista dell’> omonimo romanzo della scrittrice svedese Astrid Lindgren. Il progetto tuttavia non fu mai realizzato, poiché i due registi ricevettero un bel due di picche. Ma andiamo con ordine.

Canale TELEGRAM! > Unitevi per restare aggiornati!

I fantastici disegni che Miyazaki preparò per il progetto, dalle tonalità acquerello e dall’inconfondibile stile tipico del creatore de Il mio vicino Totoro, Laputa e Il Ragazzo e l’Airone, incredibilmente non incontrarono il favore della Lindgren. Miyazaki si recò personalmente in Svezia per mostrarli all’autrice, che però negò il suo consenso alla realizzazione dell’adattamento animato di Pippi. Chissà se successivamente la scrittrice, morta nel 2002, si è pentita di questa stupida decisione. Secondo me si, era appena uscito La Città Incantata!

Nonostante “Nagagutsushita no Pippi‘, titolo giapponese di Pippi Calzelunghe, targato Miyazaki purtroppo non esista, è però possibile ammirare le tavole illustrate dalle magiche mani del maestro Miyazaki nel 1971. Dopo l’insuccesso di questo progetto, il romanzo della Lindgren ha continuato ad influenzare le successive creazioni dei due maestri giapponesi. Nel film di Takahata del 1972 > Panda! Go, Panda! la vispa protagonista Mimiko sembra una piccola Pippi, con tanto di inconfondibili trecce rosse sparate in orizzontale.

L'anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata che non vide mai la luce

Pippi Calzelunghe è un classico della letteratura per l’infanzia in tutto il mondo. La sua trasposizione cinematografica, realizzata con lo stile inconfondibile di Miyazaki e Takahata sarebbe stata sicuramente un successo mondiale. E forse ora farebbe parte dei capolavori di Miyazaki assieme ad un’altra sua serie intramontabile come > Conan il ragazzo del futuro. I reali motivi che spinsero la Lindgren a rifiutare di concedere i diritti del suo libro a Miyazaki non sono chiari. Anche perché i suoi disegni sono stupendi, guardate con i vostri occhi:

L'anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata che non vide mai la luce

L'anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata che non vide mai la luce

L'anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata che non vide mai la luce

L'anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata che non vide mai la luceL'anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata che non vide mai la luceVa detto che già esisteva un > adattamento Live-action di Pippi Calzelunghe uscito nel 1969, che ebbe un grande successo anche in Italia. Prodotto dalle società svedesi Sveriges Radio, Nord ArtSvensk Filmindustri in collaborazione con la tedesca Beta Film. Forse il problema della Lindgren, più che di gusti artistici, sarà stato di diritti già concessi ad altri… chissà. Sicuramente la Pippi di Miyazaki sarebbe stata stupenda!

L'anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata che non vide mai la luce

Post consigliato > Tutti gli omaggi all’arte italiana ed europea nel film Il Ragazzo e l’Airone di Miyazaki


L’anime di Pippi Calzelunghe di Miyazaki e Takahata