La 2° stagione di Demon Slayer ambientata nel quartiere a luci rosse

La 2° stagione di Demon Slayer ambientata nel quartiere a luci rosse  

L’attesa per l’uscita della seconda stagione di Demon Slayer, Kimetsu no Yaiba, è febbrile. Sia in Giappone che fuori dai confini. Anche a distanza di un anno dall’uscita del lungometraggio super campione di incassi > Demon Slayer: il Treno Mugen (che trovate > qui su Prime) che prosegue la serie, l’entusiasmo generale non è svanito minimamente.

Canale TELEGRAM! > Unitevi per rimanere aggiornati! 😉 

Ancora non abbiamo un giorno preciso ma la trasmissione giapponese della nuova serie è fissata per il 10 ottobre 2021. Manca poco. E’ stato anche annunciato ufficialmente da Fuji TV che Demon Slayer 2 sarà suddiviso in due parti, come accade spesso ultimamente per gli anime di punta. La prima parte andrà in onda appunto a ottobre 2021 e la seconda a marzo 2022. Anche se le vere e proprie puntate inedite cominceranno il 5 dicembre. Prima ci saranno degli episodi riassuntivi.

Ancora non si hanno notizie su quale piattaforma trasmetterà per prima in Italia la serie in simulcast con il Giappone. Netflix solitamente non fa uscire episodi a cadenza settimanale ma aspetta che escano tutti per avere una serie intera. Se dovesse trasmettere anche la seconda stagione di Demon Slayer, avendo già la prima, dovrà aspettare che finisca. Il simulcast potrebbero farlo più realisticamente Prime Video o Crunchyroll ma non si sa ancora nulla.

L’annuncio della trasmissione in Tv, su Fuji Tv, di questa seconda stagione ha creato grosse preoccupazioni tra i fan che leggono il manga che è più avanti rispetto all’anime. Tranquilli niente spoiler. Anche il titolo scelto per il mercato mondiale Demon Slayer: Entertainment District Arc ha generato perplessità.

In giapponese è Kimetsu no Yaiba: Yūkaku-hen, Yūkaku traducibile letteralmente come “quartiere del piacere” o “quartiere a luci rosse” e non come “distretto dell’intrattenimento“. Questa cosa ha messo abbastanza in allarme tutti e fatto pensare ad una edulcorazione adatta ai bambini dell’ambientazione.

La 2° stagione di Demon Slayer ambientata nel quartiere a luci rosse

In Giappone storicamente gli yūkaku erano zone circoscritte della città in cui bordelli e prostituzione erano legalmente consentiti. L’arco del manga originale che farà parte della seconda serie dell’anime Demon Slayer si svolge proprio nello storico yūkaku che in passato esisteva davvero a Tokyo, chiamato Yoshiwara.

Se non avete ancora visto il trailer della nuova stagione, rilasciato ormai diversi mesi fa, dove si intravede l’ambientazione lo trovate qui sotto.

.
I fan di Demon Slayer non hanno un unico target di età. Ma è indubbio che sia il manga che l’anime siano molto popolari anche tra bambini in età scolare. Per questo motivo molti fan si sono preoccupati. A causa dell’ambientazione in un quartiere a luci rosse si potevano facilmente prevedere dei tagli e delle censure nella versione televisiva.

La trama prevede infatti che il protagonista Tanjiro e i suoi giovani compagni, si debbano avventurare dentro un quartiere del piacere, se pur non come clienti ma come cacciatori di demoni. Una storia ambientata in un luogo simile potrebbe essere considerata da molti inappropriata per un anime che, senza dubbio, anche molti bambini piccoli vorranno vedere.

La 2° stagione di Demon Slayer ambientata nel quartiere a luci rosse

Sembra però che i fan adulti del franchise possano tranquillizzarsi. Durante una conferenza stampa Yuriko Nakamura, capo della programmazione di Fuji TV, ha risposto alla fatidica domanda che tutti avrebbero voluto fargli. “Saranno apportate modifiche per andare incontro ad un pubblico televisivo molto giovane?

Per quanto riguarda i contenuti di Demon Slayer Stagione 2, questi sono stati oggetto del consueto esame. Ma intendiamo trasmetterlo senza apportare tagli o modifiche“.

Fuji TV è stata anche l’emittente della prima stagione dell’anime e Nakamura ha elogiato gli sforzi delle varie società che hanno collaborato a rendere Demon Slayer il successo planetario che è diventato.

È grazie agli sforzi congiunti di Shueisha, Aniplex e Ufotable che siamo in grado di trasmettere una serie che è diventata un vero fenomeno globale. È stimolante e penso che abbiamo giocato bene il nostro ruolo di rete televisiva nel fornire la serie agli spettatori“.

Demon Slayer, essendo un’opera giapponese, ha certamente un vantaggio: i bordelli da loro vengono definiti anche innocentemente case da tè“. In effetti in passato si beveva, si cenava e si conversava negli yūkaku prima di consumare qualsiasi rapporto intimo al loro interno.

Sarebbe quindi possibile creare una storia credibile che si svolge dentro una casa da tè con uomini che si riuniscono per condividere semplicemente un pasto e una bevuta con una bella donna e stop. Vedremo come e se saranno riusciti a rendere “family friendly” un bordello giapponese.

Demon Slayer – The Complete Series (4 Bluray)

La prima stagione di Demon Slayer è già disponibile sia qui su Prime Video che su Netflix.

Inoltre il prossimo 16 ottobre esce anche l’atteso Box Bluray della serie anime completa (26 episodi) in versione italiana e giapponese per Dynit. Già prenotabile > QUI 

La 2° stagione di Demon Slayer ambientata nel quartiere a luci rosse

Post consigliato > Miyazaki considera Demon Slayer suo rivale. Lo svela Suzuki, produttore Studio Ghibli 


La 2° stagione di Demon Slayer ambientata nel quartiere a luci rosse