Il Giappone è tra i paesi più sognati al mondo da chi si trasferisce

Il Giappone è tra i paesi più sognati al mondo da chi si trasferisce

Un recente sondaggio globale ha rilevato che il Giappone è il primo paese asiatico in cui le persone vorrebbero trasferirsi per lavoro. Quindi non sorprende che si sia piazzato bene anche fuori dall’Asia. Lo studio è del Boston Consulting Group, una famosa società di consulenze. Oltre 200.000 i partecipanti in tutto il mondo ai quali è stato semplicemente chiesto in che paese sarebbero stati più disponibili a trasferirsi per lavoro.

Canale TELEGRAM! > Unitevi per rimanere aggiornati! 😉

Sorprendentemente, pur non avendo una buona fama per la cultura del lavoro spesso molto rigida e dagli orari massacranti, il Giappone si è posizionato al sesto posto nel mondo. Salendo di quattro posizioni rispetto ad uno studio precedente fatto nel 2018.
Nelle prime cinque posizioni scelte dai votanti ci sono:
1. Canada; 2. Stati Uniti; 3. Australia; 4. Germania; 5. Regno Unito.

Pur riguardando la scelta di un paese in generale, il sondaggio ha evidenziato che più che il Giappone è una città in particolare ad essere sognata dai lavoratori in trasferta. E’ Tokyo che ha ottenuto il sesto posto nella classifica delle città più desiderabili al mondo. Si è posizionata dietro solo a (in ordine decrescente) Londra, Amsterdam, Dubai, Berlino ed Abu Dhabi.

Nel complesso il sondaggio ha rilevato che le persone sono più disposte a trasferirsi in paesi che fino ad ora hanno affrontato con poche perdite la pandemia. Questo parametro era ovviamente prevedibile visto il periodo che abbiamo tutti affrontato. Lo studio mostra anche che la disponibilità delle persone a trasferirsi all’estero negli ultimi due anni è prevedibilmente diminuita. Con il diffondersi dello smartworking a livello globale poi, anche la necessità di essere fisicamente in un luogo rispetto ad un altro è venuta meno in modo drastico.

Il Giappone è tra i paesi più sognati al mondo da chi si trasferisce

Solo circa la metà dei partecipanti al sondaggio ora ha dichiarato di essere disposto a trasferirsi all’estero per lavoro. Un calo del 57% rispetto ad un sondaggio precedente. Ma anche questo era prevedibile, lavoro da remoto più pandemia hanno provocato questa reazione.

Ora le frontiere giapponesi, rimaste chiuse per chiunque per due anni, dal 1 marzo 2022 riapriranno. E i primi che potranno rientrare nel paese saranno proprio la categoria dei viaggiatori per affari e degli studenti, entrambi già provvisti di visto lavorativo e studentesco ovviamente. E il paese sicuramente balzerà nei primi posti per gradimento da parte di queste categorie che tanto aspettano di poterci rimettere piede.

Una volta che anche i viaggi turistici internazionali potranno ricominciare, il Giappone sarà anche in cima all’elenco delle destinazioni preferite di moltissimi turisti. Ancora ovviamente non si sa nulla, prevedibilmente non riaprirà entro la primavera che ormai è quasi alle porte. Più realisticamente autunno o direttamente primavera 2023. Aspettiamo fiduciosi, sperando che nel frattempo migliori anche la triste situazione bellica tra Russia ed Ucraina che potrebbe allungare ulteriormente i tempi di un agognato ritorno alla normalità.

Post consigliato > Il Giappone taglia la quarantena e apre di nuovo a studenti stranieri e viaggi d’affari


Il Giappone è tra i paesi più sognati al mondo da chi si trasferisce