Il Giappone è più asessuale che mai: vari sondaggi, tutti con il medesimo risultato

Il Giappone è più asessuale che mai: vari sondaggi, tutti con il medesimo risultato

L’asessualità è uno spettro di identità sessuali che include persone che non provano attrazione sessuale o che la provano raramente. Un sondaggio del 2023 ha rilevato che il 2,7% dei giovani giapponesi tra i 18 e i 39 anni si identifica come asessuale. Nel 2016, la stessa percentuale era solo dello 0,9%. Insomma, il Giappone è più asessuale che mai, ai giapponesi interessa sempre meno avere rapporti fisici con gli altri, di qualunque natura. Ma vediamo nel dettaglio i vari sondaggi fatti e i dati che hanno prodotto:

Canale TELEGRAM! > Unitevi per restare aggiornati!

I risultati dei sondaggi:

Un sondaggio realizzato nel 2023 da > We-Vibe, una famosa marca di vibratori, ha appurato che gli uomini e le donne giapponesi sono i meno soddisfatti della propria vita sessuale. Solo il 35% è soddisfatto, il dato più basso tra gli undici paesi analizzati. Le donne hanno un livello di soddisfazione più elevato, in media al 46% rispetto agli uomini al 41%. I più soddisfatti sono gli spagnoli, seguiti da francesi e svizzeri. L’Italia non è pervenuta in questo sondaggio, probabilmente non compra giocattoli da questo sito?

Questo sondaggio ne rafforza un altro fatto nel 2020 dal produttore giapponese di giocattoli sessuali maschili > Tenga. Avete presenti > questi tubi che da fuori non si capisce cosa siano? Se siete stati in un negozio Don Quijote in Giappone ne avrete sicuramente visti di ogni tipo e grandezza. Ebbene nell’indagine internazionale fatta dall’azienda, il Giappone è risultato l’unico paese in cui gli intervistati hanno riferito di preferire il cibo al sesso. Sempre il Giappone ha riportato il numero più basso di persone altamente soddisfatte della propria vita sessuale, pari al 9%.

Il Giappone è più asessuale che mai: vari sondaggi, tutti con il medesimo risultato

Anche un’altro recente sondaggio della > Japan Family Planning Association ha lanciato l’allarme sexless in Giappone. Il 48,3% delle coppie sposate fa sesso zero volte al mese, il livello più alto da quando la JFPA ha iniziato a registrare i dati sulle coppie nel 2002. L’assenza di sesso è aumentata poi costantemente, fino ad un + 16,4% negli ultimi 20 anni. Secondo lo stesso sondaggio, l’assenza di sesso sia tra le coppie sposate che tra quelle non sposate è pari al 49,2%. Il 13,9% di tutte le coppie fa sesso solo una volta al mese.

Il 24,3% degli uomini sposati intervistati ha incolpato la mancanza di risposta agli stimoli del proprio partner. Hanno in particolare segnalato motivi come il cambiamento nella vita sessuale dopo il parto (14,7%) e la mancanza di motivazione (12,0%). Il 22,6% delle donne sposate ha affermato invece di non fare sesso perché è mendokusai (una seccatura). Il secondo motivo è la stanchezza cronica da lavoro (20,8%), considerando che le donne lavoratrici in Giappone finiscono per svolgere anche la maggior parte delle faccende domestiche in una famiglia.

Anche > JEX, un produttore giapponese di preservativi, ha pubblicato il mese scorso il suo Japan Sex Survey 2024. La loro indagine mostra che l’asessualità sta accelerando a un ritmo allarmante, dimostrando che molti giovani uomini eterosessuali stanno perdendo interesse per le donne. Gli intervistati con un’età compresa tra 18 e 69 anni, hanno prodotto dati sconcertanti. Il 64,2% di quelli sposati ha affermato che loro e i loro partner non fanno mai sesso, un aumento rispetto al 2020, quando tale cifra era del 51,9%. Oltre all’assenza di sesso tra le coppie, lo studio ha esaminato anche la percentuale di verginità. Uno sconcertante 51,7% degli uomini ventenni giapponesi sono ancora vergini nel 2024, rispetto al 43,0% del 2020.

Il Giappone è più asessuale che mai: vari sondaggi, tutti con il medesimo risultato

Principali ragioni dell’asessualità nipponica

Secondo l’azienda > Kobayashi Pharmaceutical, una persona su tre in Giappone si sente stressata riguardo al sesso. In uno studio dello scorso settembre che ha esaminato 1.000 uomini e donne tra i 20 e i 60 anni, l’invecchiamento era la ragione principale che alimentava l’ansia riguardo al sesso. I giovani sono pigri e disinteressati mentre gli adulti sono stanchi o non riescono. Ecco le 4 ragioni più gettonate:

Vecchiaia: 20,4%
Stanchezza mentale: 17,4%
Pigrizia e mancanza di conoscenza su come fare sesso senza alcuno sforzo: 26,1%
Arrendevolezza a non adottare misure per migliorare la situazione: 25,8%

Il professor Akira Tsujimura del dipartimento di urologia dell’Ospedale Urayasu dell’Università di Juntendo afferma che la società giapponese che invecchia sta assistendo a un aumento della disfunzione erettile (DE) come mai prima d’ora. Esperti come Tsujimura prevedono che quasi la metà della popolazione maschile nipponica soffre attualmente e soffrirà sempre di più in futuro di impotenza.

Post consigliato > Si alzano la gonna per attirare i pesci: donne giapponesi preservano un antico rituale (video) 


Il Giappone è più asessuale che mai: vari sondaggi, tutti con il medesimo risultato