I turisti stranieri in Giappone superano per la prima volta i livelli pre-pandemici

I turisti stranieri in Giappone superano per la prima volta i livelli pre-pandemici

Il numero di visitatori stranieri in Giappone fino ad ottobre 2023 ha raggiunto quota 2,52 milioni, superando per la prima volta i livelli pre-pandemia. Ciò rappresenta un aumento dello 0,8% rispetto a ottobre 2019, prima che il Covid colpisse il turismo globale. L’aumento è principalmente attribuito a due fattori chiave che hanno reso i viaggi in Giappone di nuovo accessibili e convenienti: ovviamente la riapertura delle frontiere ma anche il convenientissimo Yen debole per gli stranieri.

Canale TELEGRAM! > Unitevi per restare aggiornati!

Lo Yen si è deprezzato significativamente negli ultimi 2 anni, ed è costantemente in caduta. Ciò rende la visita del Giappone super conveniente per il cambio in altre valute, cosa che aumenta sempre di più il numero di arrivi. Allo stesso tempo, la ripresa delle rotte aeree dai principali paesi del mondo verso il Giappone, ha incentivato il ritorno dei viaggiatori dopo un’astinenza di ben tre anni dal Paese causa pandemia.

I turisti stranieri in Giappone superano per la prima volta i livelli pre-pandemici

Da gennaio a ottobre 2023, si è calcolato che il Giappone ha accolto 19,89 milioni di visitatori stranieri. Tra questi ci sono anch’io! Si tratta di un recupero del 73,9% rispetto ai livelli pre-pandemici del 2019. Se questo ritmo continua, si prevede che alla fine del 2023 si raggiungeranno i 25 milioni di visitatori stranieri annuali, superando la soglia pre-Covid.

Le principali nazionalità dei visitatori in questo primo quasi intero anno di riapertura, sono state Corea del Sud, Taiwan e Cina. I sudcoreani sono più che triplicati rispetto a ottobre 2019, per un totale di oltre 630.000 arrivi. Anche Taiwan e Cina hanno mostrato notevoli aumenti, con quest’ultima in ulteriore crescita. Dopo che il Giappone ad agosto 2023 ha allentato gli ultimi requisiti per i visti cinesi in entrata rimasti dai tempi della pandemia, ora tutto è tornato alla normalità anche per loro. Da sempre, sono uno dei popoli che visitano di più il Giappone.

I turisti stranieri in Giappone superano per la prima volta i livelli pre-pandemici

Mentre il turismo in entrata in Giappone ha registrato un’ottima ripresa, il turismo in uscita invece non è tornato ai livelli normali. I giapponesi, da sempre grandi viaggiatori in Europa e soprattutto Italia, non sono tornati a farlo come prima. Ad ottobre 2023 sono stati registrati solo 937.700 turisti giapponesi all’estero, con un calo del 43,6% rispetto a ottobre 2019! Ciò suggerisce che la pandemia continua a influenzare i nipponici che ancora non si sentono sicuri e hanno paura a viaggiare fuori dai confini nazionali.

Nel complesso, i dati sul turismo indicano che il Giappone è entrato in una solida fase di ripresa, con un numero di visitatori stranieri che supera per la prima volta i livelli pre-pandemia. Questo è un segnale positivo per l’industria nipponica del turismo, una delle più colpite dalla chiusura totale delle frontiere. Ricordiamo che il Giappone è stato uno dei paesi rimasti chiusi per più tempo, perdendo il 100% dei guadagni provenienti dal turismo estero per ben tre anni di fila.

Post consigliati > L’impennata del turismo in Giappone interferisce con la vita e il lavoro dei residenti


I turisti stranieri in Giappone superano per la prima volta i livelli pre-pandemici