Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale

Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale 

In Italia Holly e Benji è uno dei classici cartoni animati che hanno visto tutti almeno una volta. E’ uno spokon, ovvero una storia a tema sportivo basata sul ‘sacrificio agonistico’, genere che in Giappone ha fatto la fortuna di moltissimi manga. Tra i più numerosi e celebri ovviamente quelli sul baseball, sport nazionale nipponico e sul basket. Ne cito due tra i più conosciuti: Touch e Slam Dunk.

Canale TELEGRAM! > Unitevi per restare aggiornati!

Di spokon sul calcio in realtà non ne esistono tantissimi in Giappone, dato che non è uno degli sport più storicamente praticati dai ragazzini e seguiti dai grandi. Anche se ultimamente molto di più rispetto agli anni 80′. Una recente serie manga e anime di successo sul calcio, Blue Lock, fa intendere che l’interesse sta crescendo, soprattutto dopo i mondiali di quest’anno. In Italia invece, quando è sbarcato il cartone animato Holly e Benji ha davvero sfondato. Sia grazie alla tematica, dato che invece da noi il calcio è lo sport più seguito, sia per merito dei personaggi memorabili protagonisti della storia.

Ovviamente il vero titolo di Holly e Benji non è questo, negli anni 80′ in Italia c’era l’abitudine di ‘americanizzare’ titoli e protagonisti dei catoni che arrivavano. Inoltre, come capita nel 99% dei casi, ogni anime nasce sempre in versione cartacea, ed anche qui siamo di fronte ad un successo nato come manga. Si stima che Captain Tsubasa (titolo originale), ad oggi sia conosciuto in ben 100 paesi del mondo e abbia venduto in totale qualcosa come 70 milioni di copie. Più di 10 milioni solo all’estero. L’autore Yoichi Takahashi ha iniziato a scrivere dell’undicenne prodigio del calcio Tsubasa Ozora (Holly in Italia), nel lontano 1981. Ha poi visto il suo manga crescere esponenzialmente di fama, fino a diventare un successo globale con serie televisive, film d’animazione e videogiochi.

Grazie alla magia dell’intelligenza artificiale, ora abbiamo la risposta ad una domanda che spesso ci siamo fatti, anche sognando una versione in carne ed ossa del manga e anime sul calcio per antonomasia: Come sarebbero Holly e Benji nella vita reale? Ed ora non abbiamo più bisogno dell’immaginazione. Questa tecnologia inquietantemente performante, riesce ad analizzare un semplice disegno stilizzato e a trovare il suo corrispettivo umano, grazie ad un ampio database e al giusto addestramento ovviamente. Ed ecco il risultato incredibile.

Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale

Holly Hutton (Tsubasa Ozora)

Cominciamo chiaramente dal protagonista, Oliver Hutton. Attaccante, centrocampista e capitano della New Team (in originale Nankatsu FC) che veste ovviamente il numero 10. Guardate se non assomiglia al bambino giapponese tirato fuori dall’AI. E’ perfetto!

Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale

Benji Price (Genzo Wakabayashi)

Ed ecco il co-protagonista affibbiato dall’adattamento italiano, Benjamin Price. Infatti nel titolo originale non compare nemmeno. E’ solo il rivale, poi amico, con cui inizia la storia. E’ il portiere e numero 1 nella New Team. Anche la sua faccia è tipica di un vero bambino giapponese particolarmente grintoso.

Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale

Tom Becker (Taro Misaki)

A fare coppia fissa in campo con Holly è Tom Becker, centrocampista numero 11 nella New Team. Uno dei migliori amici di Holly, insieme sono la coppia d’oro del goal. Una volta ne hanno fatto anche uno calciando il pallone contemporaneamente! Anche questo bambino vero direi che è molto somigliante!

Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale

Bruce Harper (Ryo Ishizaki)

Il suo ruolo è quello di difensore e numero 14 della New Team. Anche lui è uno dei migliori amici di Holly e suo compagno di squadra fin dalle elementari. Questo bambino partorito dall’AI direi che è davvero credibile, potrebbe essere davvero così nella vita reale.

Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale

Julian Ross (Jun Misugi)

Ecco il primo non compagno di squadra di Holly. E’ un centrocampista e libero, ed è uno dei migliori giocatori nipponici di tutti i tempi. Peccato che ha dei problemi cardiaci che spesso gli impediscono di giocare al massimo. La sua versione umana direi che ci potrebbe stare ma forse è un pochino troppo femminile.

Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale

Mark Lenders (Kojiro Hyuga)

Uno degli avversari più ostici per Holly/Tsubasa a causa del suo gioco aggressivo e potente, al limite del regolamento. Nasce come ala per poi diventare centravanti, ruolo che avrà nel corso dell’intera serie. L’AI lo interpreta infatti con una faccia risoluta e arrabbiata. Esattamente com’è quando è in campo.

Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale

Roberto Sedinho (Roberto Hongo)

Fa parte della serie sin dall’esordio, ed è il primo allenatore della  squadra di Holly/Tsubasa alle elementari. E’ un ex calciatore brasiliano e in tanti ritengono che il suo personaggio sia ispirato a Socrates, icona della nazionale verdeoro. L’intelligenza artificiale qui fa un lavoro quasi perfetto. Sembra veramente lui nella vita reale.

Ecco il video da cui sono tratte le foto, ci trovate anche altri personaggi di Holly e Benji:

.
Post consigliato > La vera New Team del papà di Holly & Benji vola, in cantiere il Captain Tsubasa Stadium


Holly e Benji nella vita reale: ecco come sarebbero per l’Intelligenza Artificiale