5 cose che i Giapponesi fanno a Capodanno

5 cose che i Giapponesi fanno a Capodanno

Il giorno di Natale non ha un significato poi così importante in Giappone tanto che, dopo una vigilia passata con i fidanzati a mangiare una torta di fragole e panna, già il 25 dicembre (giorno lavorativo), le luminarie e gli alberi di Natale vengono allegramente tolti da tutte le città!

Questo perchè si avvicina la loro festività più importante dell’anno: lo Shogatsu, (letteralmente “mese giusto, adatto”), ovvero il Capodanno. Per fare gli auguri di Buon Anno però si usa l’espressione Akemashite Omedetou.

Su Amazon sono arrivati i Mochi!


I Giapponesi trascorrono questo periodo molto speciale in famiglia mangiando e guardando programmi a tema alla tv (soprattutto gare canore) come noi facciamo con il Natale. Il Capodanno è praticamente il loro Natale per importanza.


5 cose che i Giapponesi fanno a Capodanno


1 – Fanno il Bonenkai

L’ultimo giorno lavorativo prima delle vacanze di fine anno (uno dei pochi periodi di festività continuativa in Giappone), è il 28 dicembre. Ma già durante tutto il mese si organizzano i Bonenkai. Ma cosa sono? 

Letteralmente Bonenkai significa “banchetto di fine anno”. Sono party alcoolici organizzati da gruppi di persone, soprattutto colleghi di lavoro, per festeggiare in allegria la fine del vecchio anno. Anche i colleghi Ghibli festeggiano per l’occasione!

 


5 cose che i Giapponesi fanno a Capodanno

2 – Fanno le pulizie e decorano la casa

Finito il lavoro, dal 28 fino al 30 dicembre la gente inizia un frenetico turbinio di pulizie dette “Osusuharai” (susu=polvere, harai=spazzare).

Poi si addobba la casa con delle decorazioni dette Kadomatsu (letteralmente “pino all’entrata”) e comincia la preparazione anticipata del cibo per i giorni del Capodanno nei quali poi non ci sarà tempo per cucinare.

Si dice anche che porti sfortuna cucinare e pulire il primo dell’anno quindi ci si avvantaggia con tutto prima!


3 – Mangiano soba e cibo in scatole laccate

Il cibo tipico che si mangia per la cena del 31 dicembre varia da regione a regione ma ogni alimento ha un significato preciso, spesso ispirato dalla sua forma. Uno di quelli più gettonati è il toshikoshi-soba dato che i suoi kanji sono quelli di annotoshi” e venirekoshi“. La lunghezza dello spaghetto di soba è perfetta come simbolo per l’augurio di una lunga vita.

Inoltre un tempo nelle officine degli artigiani dell‘oro e dell’argento si usava la pasta di soba per raccogliere i frammenti dei preziosi che venivano lavorati. Quindi si pensa che la toshikoshi-soba porti ricchezza e fortuna nel nuovo anno.

Altri tipi di pietanze che vengono preparate devono essere necessariamente cibo secco per durare i primi tre giorni del Capodanno (tutti festivi), in quanto non si avrà più tempo di prepararne di nuovo. Questo viene conservato in costose e tipiche Scatole Laccate, decorate di rosso o nero, e viene chiamato Osechi Ryori.

 


5 cose che i Giapponesi fanno a Capodanno

4 – Mangiano dolcetti chiamati Mochi

Una delle preparazioni più tipiche in questo periodo sono i Mochitipici dolcetti sferici che a me non fanno impazzire. Si tratta di riso che nella tradizione giapponese veniva pestato con un grosso martello di legno. Poi viene bollito e ridotto in piccole palline.

Se ne mangiano con ripieni di molti gusti diversi anche se il loro aspetto tradizionale è formato da due mochi di misura diversa posti a piramide insieme con delle arance amare. Questo è il tipico mochi di Capodanno!

Su Amazon sono arrivati i Mochi!


5 – Aspettano 108 rintocchi e poi vanno al Tempio

Al termine del cenone del 31 c’è poi la tradizionale Hatsumode, cioè la prima visita dell’anno nuovo al tempio, buddhista o shintoista, durante la quale molte persone indossano abiti tradizionali giapponesi o abiti normali ma comunque eleganti. Si vede spesso questa ricorrenza negli anime!

I templi e i santuari rimangono chiusi fino alla mezzanotte, momento in cui cominciano a risuonare le grandi campane. Queste fanno 108 rintocchi, perché questo è il numero massimo di peccati che l’uomo si porta dentro e che devono essere purificati in vista dell’anno nuovo. Poi, appena finiti i rintocchi, tutte le persone in rigorosa coda, arrivano davanti all’altare, battono le mani due volte per chiamare gli dei e recitano una breve preghiera accompagnata da una offerta.

Una delle cose che mi piace di più del Capodanno in Giappone però è senz’altro il fatto che non si fanno i botti casalinghi. Sapendo quanto possono essere spaventosi per tutti i nostri animaletti domestici, il mio cane li odia, vorrei proprio che questa pratica scomparisse. E allora festeggiamo ma senza botti!!!


AUGURI, anzi: Akemashite Omedetou!


.

Per approfondire festività, usi e costumi del Giappone ecco il libro prezioso che spesso consulto. Una fonte inesauribile di informazioni e spiegazioni che ogni nippofilo troverà sicuramente interessanti:

Giappone. Usi, costumi e tradizioni

Il Capodanno in Giappone : la festa più attesa

Il Giappone è il Paese delle grandi contraddizioni, in cui i progressi tecnologici coesistono con un forte attaccamento alle radici e alle tradizioni. Per quanto i giapponesi siano “indulgenti” nei confronti di chi, straniero, non conosce le tantissime leggi non scritte che regolano azioni e comportamenti, tanto più si trovano a proprio agio con chi si adegua a questo complesso codice, dimostrando di comprenderlo e apprezzarlo. Questa guida consente di familiarizzare con la cultura giapponese e fornisce nel contempo utili indicazioni di comportamento per orientarsi in qualsiasi situazione.

Lo trovate qui su Amazon

 


5 cose che i Giapponesi fanno a Capodanno